Loading....

La cura della digitalizzazione

Rubrica Donne 4.0: I protagonisti | Un’ospite d’eccezione per il terzo incontro dedicato a grandi donne e uomini che stanno contribuendo a cambiare il nostro Paese!

Mercoledì 25 maggio alle ore 18 abbiamo l’opportunità di ascoltare Susanna Camusso Responsabile delle politiche di genere CGIL sul tema “La cura della digitalizzazione

⏱ Quando: 25 maggio ore 18

📍 Dove: live streaming piattaforme social @donne4.0

Pagina Facebook

Pagina LinkedIn

Canale YouTube

🎤 intervistano: Gabriella Campanile e Monica Cerutti

Webinar gratuito “La certificazione della parità di genere nel PNRR”

Daxo Group, con il patrocinio di Inclusione Donna e Donne 4.0 e la partecipazione dell’UNI, organizza un webinar per presentare la Prassi di Riferimento UNI per la certificazione della Parità di Genere, prevista dal PNRR, come strumento per misurare, valutare e rendicontare la parità di genere all’interno delle organizzazioni.

La certificazione volontaria consentirà l’adozione e il perseguimento di un sistema di gestione sulla parità di genere con l’obiettivo di promuoverla sul luogo di lavoro attraverso la misurazione e il monitoraggio dei risultati di performance. Per il 2022 sono previsti sgravi fiscali e premialità in sede di gare d’appalto per le aziende certificate.Il webinar proposto ha l’obiettivo di illustrare la UNI/PdR 125:2022 sulla Parità di Genere e presentare il relativo processo di certificazione fornendo indicazioni e chiarimenti circa la sua correlazione con il Rapporto biennale sulla parità di genere, obbligatorio per le aziende con >50 dipendenti.

Programma

17.00 Apertura del webinar – Moderatrice: Gabriella Campanile GM Daxo Group

17.05 Presentazione Daxo Group – Darya Maijdi CEO Daxo Group

17.10 La necessità di una certificazione per il riequilibrio di genere nelle organizzazioni – Sila Mochi Co-Founder Inclusione Donna

17.20 La prassi come strumento di cambiamento culturale – Elena Mocchio Responsabile Innovazione e Sviluppo UNI

17.30 Il Sistema di gestione per la parità di genere e il Rapporto biennale obbligatorio – Beatrice Bettini – Advisor Daxo Group

17.40 Il processo di certificazione UNI/PdR 125:2022 Peter Volk – CEO TUV Thuringen Italia

17.50 Il percorso accompagnamento delle aziende alla certificazione del sistema di gestione per la parità di genere. Gabriella Campanile – GM Daxo Group

18.00 Chiusura lavori

 

La partecipazione è gratuita previa iscrizione entro il 10 maggio. Agli iscritti verrà fornito il link Zoom di accesso al webinar.

Link per l’accesso con Zoom

Stem o Steam?

Ripartono gli appuntamenti mensili di Donne4 Rubrica. Ogni mese sul palco digitale di Donne 4.0 Gabriella Campanile intervisterà 4 donne/uomini che stanno contribuendo all’innovazione nel nostro paese.

Questo mese: Stem o Steam?

Lo abbiamo chiesto a 4 donne eccezionali: Beatrice Bettini, Federica Maria Rita Livelli, Elisabetta Norfini, Antonella Avram.

[Lunedì 31 gennaio 2022]

Morena Rossi e le donne all’ultimo grido: urloteca, tecnologie digitali e sbocchi lavorativi

Rubrica Donne4 I Protagonisti

La voce delle donne con il progetto dell’urloteca Morena Rossi ci racconterà in che modo le tecnologie possono essere un amplificatore.

Morena Rossi, 48 anni, una laurea in filosofia ed un lavoro da copywriter, un passato con quelli dello Zelig coi quali ha riso molto e aperto un’agenzia di pubblicità, e un’incursione di qualche anno a Radio24, la Radio del Sole24Ore, dove ha scritto e condotto diversi programmi. La radio rimane il suo grande amore. È co-autrice del libro nato dalla trasmissione radiofonica “Destini Incrociati” (Cairo Editore) ed è autrice dello spettacolo teatrale “I monologhi delle ascelle”. Nel 2016 pubblica il suo primo romanzo dal titolo “Che m’importa che tu faccia la brava” (Tralerighe). Appassionata di tematiche femminili, da anni cerca il modo per dare più voce alle donne, lei che la sua la usa molto, a volte troppo. Da una sua idea nasce, infatti, grazie al contributo di alcune amiche, la APS “Donne all’ultimo grido” che si occupa di empowerment femminile e che a dicembre 2019 è stata anche oggetto del suo talk al TEDxModena. 

“Donne all’ultimo grido”, di cui Morena è fondatrice, è un progetto di empowerment femminile che si propone di raccontare le donne e le loro storie “da urlo”, raccogliendo gli urli in una virtuale URLOTECA dove le donne raccontano un proprio traguardo, un sogno o lanciano un messaggio propositivo e alla fine fanno un urlo.

Per creare una rete concreta e d’ispirazione fra donne che si possano aiutare, mettendo insieme le proprie voci e aiutandosi a trovare nuove tonalità. Se non è condiviso, nessun progetto può vedere la luce. Per mettere al mondo un’idea la si deve donare al mondo. Perché il “valore condiviso” è un vero e proprio vantaggio competitivo. Le donne questo lo sanno. Spesso però lo dimenticano. E l’URLOTECA è una specie di promemoria che vogliamo regalare a tutte noi. Per approfondire clicca qui

Conducono l’intervista: Gabriella Campanile e Stefania Noiosi

Donne 4.0 da community ad associazione

In data 11 settembre ha avuto luogo la prima assemblea della neocostituita Associazione Donne 4.0, una realtà unica nel suo genere che ha una visione e una missione ben delineata: supportare e coinvolgere le donne per renderle protagoniste nel mondo digitale e nella costruzione di un futuro tecnologico, inclusivo e sostenibile, valorizzando il loro contributo sostanziale nell’affrontare le nuove sfide globali.

I soci provenienti da tutta Italia si sono radunati per indicare le attività del primo anno dei lavori. L’assemblea, oltre alla Presidente Darya Majidi, ha anche eletto il proprio comitato direttivo composto dalla Vice Presidente Gabriella Campanile, la Segretaria Sara Leonetti, la Consigliera Enrica Gallo e la Tesoriera Mila Miscia. Fanno parte dell’associazione altre 19 socie fondatrici che rappresentano l’intero territorio nazionale. “Abbiamo anche soci uomini, che sottolineano che la battaglia per la parità di genere deve essere sostenuta non solo dalle donne, ma anche dagli uomini al nostro fianco”, ha spiegato la Presidente Darya Majidi.

In un contesto di digital transformation, in cui le tecnologie abilitanti stanno creando milioni di nuovi posti di lavori e in cui, storicamente, la presenza delle donne nel contesto lavorativo è molto bassa (si stima che in Italia solo il 27 per cento[1] della forza lavoro nel settore ICT sia femminile), l’associazione Donne 4.0 vuole offrire empowerment e consapevolezza alle donne, invitandole a scoprire, conoscere e valorizzare i propri talenti grazie alle tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale.

Le Donne 4.0 sanno interpretare le tecnologie come una leva efficacissima per chiudere il divario di genere più velocemente e riescono a trasformarle in un’opportunità di crescita personale e professionale. Le tecnologie rappresentano infatti strumenti di libertà, di rappresentanza e di azione per tutte le donne.

Il Manifesto redatto dall’associazione Donne 4.0 indica i 4 pilastri in grado di supportare la crescita delle donne in tutte le fasi della loro vita:

  • Formazione: sin dalle scuole primarie è fondamentale supportare, con il gioco e con la didattica, la vicinanza delle bambine alle materie STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e incentivare le ragazze che frequentano le scuole superiori e le università a scoprire le nuove opportunità professionali.
  • Lavoro: supportare con attività di up-skilling e re-skilling le donne per aiutarle a sviluppare nuove abilità e a migliorare le proprie competenze in modo da chiudere il cosiddetto “gender digital mismatch”.
  • Rappresentanza: incrementare la presenza di donne nelle aziende tech e nelle istituzioni anche nei ruoli apicali, perchè le tecnologie non sono neutre e vanno create con un approccio inclusivo e rispettoso delle diversità.
  • Imprese femminili tech: supportare non solo la nascita ma anche la crescita delle aziende tech femminili con strumenti e agevolazioni anche fiscali, esattamente nella direzione indicata dalla Missione 5 del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza (PNRR).

“In cantiere abbiamo già molti progetti con scuole, istituzioni, reti e associazioni”, spiega la Presidente di Donne 4.0 Darya Majidi. “L’energia e l’entusiasmo che abbiamo respirato mi convincono che le nostre 3 C ci daranno l’opportunità di fare la differenza per le bambine, le ragazze e le donne: con Competenze vogliano essere un punto di riferimento, con Cuore mettiamo a disposizione in nostro tempo gratuitamente e offriamo alle donne l’opprtunità di crescere e con Coraggio affrontiamo anche le battaglie culturali più difficili. Sono estremamente felice di questo incredibile risultato” conclude la dottoressa Majidi. “Mai avrei osato pensare che il movimento creato dal mio libro Donne 4.0 in poco tempo si potesse trasformare una associazione di riferimento nazionale”.

Riguardo a Donne 4.0

La Community Donne 4.0 nasce nel 2019 intorno al libro “Donne 4.0”, si è evoluta e rafforzata durante il lockdown con l’obiettivo di darsi una veste giuridica di associazione sociale. All’interno di uno scenario di grandi trasformazioni economiche, politiche e sociali, le tecnologie stanno assumendo un ruolo centrale. La Community Donne 4.0 opera affinché le donne possano giocare un ruolo da protagoniste nella costruzione del futuro, credendo fermamente che le tecnologie siano leve strategiche per l’empowerment e la leadership femminile e che siano in grado di accelerare il raggiungimento di parità ed equità delle donne a livello mondiale.

Le Socie Fondatrici dell’associazione:

Darya Majidi (Presidente), Gabriella Campanile (Vice Presidente), Sara Leonetti (Segretaria) Enrica Gallo (Consigliera) Mila Miscia (Tesoriera), Silvia Baroncelli, Rita Basile, Cinzia De Gioia, Marlene Magnani, Loredana Mancini, Annarita Mariani, Dayana Mejias Roman, Alessandra Meucci, Pegah Moshir Pour, Tiziana Muoio, Stefania Noiosi, Elisabetta Norfini, Patrizia Palazzi, Francesca Passaglia, Annamaria Schena, Marianna Serpelloni, Vincenza Spadoni, Gloria Zanichelli, Maura Zuccarini.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://www.donne4.it

Per informazioni sulle modalità per diventare soci scrivere a soci@donne4.it


[1] Fonte: Gender Equality Index, Eurostat, https://eige.europa.eu/gender-equality-index/thematic-focus/digitalisation/country/IT

Women at Business, rimettersi in gioco grazie all’algoritmo

All’interno della rubrica “Donne Protagoniste del futuro” della Community Donne 4.0, Gabriella Campanile e Patrizia Palazzi intervistano Laura Basili e Ilaria Cecchini fondatrici di Women at Business, la startup che utilizza un algoritmo avanzato per supportare il reinserimento professionale delle donne.

***

Laura BasiliDopo la laurea in Filosofia con indirizzo in Comunicazioni Sociali, inizia la sua carriera in agenzie di comunicazione nell’area media e di produzione. Successivamente passa in Omnitel (oggi Vodafone Italia) nell’area comunicazione e advertising. Nel 1999 partecipa all’avvio dell’allora start-up Fastweb dove cresce velocemente fino a ricoprire il ruolo di Direttore Comunicazione. A partire dal 2005, decide di sviluppare esperienze professionali internazionali. Inizialmente ad Atene, dove lavora per la start-up di Telecom in Grecia, OnTelecom, con il ruolo di Direttore Comunicazione. In seguito a Londra dove vive per 15 anni, diventa mamma, consegue un master e co-fonda una società di consulenza strategica Able Consulting ricoprendo il ruolo di Director e contribuendo allo sviluppo di diversi progetti. Da sempre interessata alla partecipazione di progetti in start-up destinate ad una forte innovazione e crescita nel breve periodo, quando torna in Italia nel 2019, sente il desiderio di creare qualcosa che da un lato valorizzasse tutte le sue passate esperienze e dall’altro sostenesse il progetto delle tante donne che hanno il desiderio di reinserirsi nuovamente nel mondo del lavoro attraverso un nuovo passo e su progetti flessibili. È così che insieme a Ilaria Cecchini fonda Women At Business, la prima community di donne e aziende dedicata alla valorizzazione e circolazione delle professionalità delle donne. Un progetto di Sostenibilità Sociale delle competenze femminili, con il manifesto “Together, To get her” per riportare ogni singola donna nel mondo del lavoro attraverso una nuova progettualità.

Ilaria Cecchini
Ilaria Cecchini è un Manager a tutto campo del marketing e della comunicazione, con oltre 20 anni di esperienza e in diversi settori: dal food alle telecomunicazioni, dalla moda al beauty, sino al turismo. Dopo la laurea in Comunicazione D’Impresa presso l’Università IULM di Milano consegue un master in General Management presso la MIP-School of Business del Politecnico di Milano. Inizia la sua Carriera in Ferrero come product manager per poi passare in Omnitel (oggi Vodafone Italia) dove ricopre il ruolo di Communication Manager. In seguito, inizia il suo percorso in Fastweb, dove rimane per 17 anni e dove si occupa di Trade Marketing e Sales Operations. Prosegue la sua carriera collaborando con una start up di turismo esperienziale e in seguito ad una piattaforma di influencer marketing. È anche docente di Marketing e Business plan presso IFOA -Istituto per la formazione aziendale, Shareholder di La Fenice s.r.l . Dal 2019 lavora al progetto

WomenAtBusiness – Startup innovativa che utilizza una tecnologia avanzata per supportare il reinserimento professionale delle donne affiancandole nel rispetto della catena del valore a progetti di sostenibilità sociale ed a supporto dei programmi di Diversity&Inclusion delle aziende.

***

Abbiamo rubato il titolo a Wired, qui l’articolo originale https://www.wired.it/economia/lavoro/2021/04/26/women-at-business-algoritmo/

Donne e lavoro: una nuova visione dell’impresa femminile

All’interno della rubrica “Donne Protagoniste del futuro” della Community Donne 4.0, Gabriella Campanile e Isabella Ceccarini intervistano Azzurra Rinaldi – esperta in economia di genere.

Azzurra Rinaldi insegna Economia Politica presso l’Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza, dove è anche Direttrice della School of Gender Economics e Presidente del Corso di Laurea in Economia delle Aziende Turistiche. Si occupa di economia di genere, sia nell’ambito della ricerca che attraverso progetti sul campo. Lavora da anni nel settore della cooperazione internazionale, guidando e prendendo parte a progetti di ricerca nell’ambito della formazione e dell’empowerment femminile in paesi quali il Libano o l’India.

È membro della Commissione Cultural Change del W20, del comitato Scientifico di Global Thinking Foundation e di GammaDonna. Partecipa a conferenze nazionali ed internazionali sui temi legati alla parità di genere. Ha pubblicato articoli e libri sui temi del gender gap, dell’economia dei paesi emergenti e dell’economia del turismo con editori nazionali ed internazionali. 

Attivista dei diritti delle donne, si definisce femminista ed ha partecipato attivamente ai movimenti “Giusto mezzo”, ”Dateci Voce” e “Dalla Stessa Parte”.

La sostenibilità sociale nella prospettiva di genere

All’interno della rubrica “Donne Protagoniste del futuro” della Community Donne 4.0, Gabriella Campanile e Mila Miscia intervistano Martina Rogato – Consulente sostenibilità e Sherpa W20. Women20 (W20) è l’engagement Group ufficiale del G20, composto da donne rappresentanti dei venti paesi più industrializzati, impegnate nella società civile sul tema della parità di genere e women empowerment. Link per approfondire il W20 https://w20italia.it

Il concetto di sostenibilità è spesso associato esclusivamente al tema della tutela dell’ambiente o alla lotta al cambiamento climatico, ma si tratta, in realtà, di un approccio strategico integrato nel business dove oltre alla dimensione ambientale, vi sono una sfera economica e sociale!La sostenibilità sociale, oltre ai progetti di CSR e filantropia si occupa dei diritti delle persone a 360° dall’accesso alla terra fino alla non discriminazione per orientamento sessuale, genere, cultura, età. Si tratta di una componente fondamentale per tutte le aziende che voglio davvero adottare un approccio di sviluppo sostenibile. L’Italia nel 2021 si appresta ad ospitare i capi di stato e di governo delle 20 economie più potenti del mondo per discutere di: people, planet e prosperity e ridisegnare una nuova ripartenza post-covid dove le persone, e si auspica le donne, siano al centro.

Donna chiama Donna, Annalisa Santucci sul ruolo delle donne nella scienza

La protagonista in ambito scientifico Annalisa Santucci ci racconta il ruolo delle donne nella ricerca: cosa è cambiato e cosa è necessario fare per coinvolgere più donne in ambito scientifico.

All’interno della rubrica “Donne Protagoniste del futuro” della Community Donne 4.0, Gabriella Campanile e Isabella Ceccarini intervistano Annalisa Santucci: Professore Ordinario di Biochimica, Direttore del Dipartimento di Eccellenza di Biotecnologie Chimica e Farmacia dell’Università di Siena, Coordinatore del Macronodo Life Sciences Unisi del Competence Center Industria 4.0 ARTES 4.0, Fondatore e Presidente del Comitato Scientifico di aimAKU, Associazione Italiana Malati di Alcaptonuria. La sua attività di ricerca scientifica è stata focalizzata sulla comprensione dei meccanismi molecolari di patologie, soprattutto rare. Più recentemente si è appassionata agli aspetti biochimici della bioconomia circolare e per questo è divenuta Fondatore e Presidente del Comitato Tecnico Scientifico di SienabioACTIVE.

Parlare in pubblico è una competenza strategica per le donne

All’interno della rubrica “Donne Protagoniste del futuro” della Community Donne 4.0, Gabriella Campanile e Andra Mocanu intervistano Betty Senatore.

Betty è una conduttrice radiofonica, attrice, presentatrice e coach di public speaking. Lavora in radio da oltre 25 anni. Dal 2004 è una voce di Radio Capital. Allieva del laboratorio teatrale di Beatrice Bracco a Roma, ha perfezionato le sue conoscenze nel mondo della voce con i metodi Voicecraft, Tomatis e Linklater. Come formatrice aziendale insegna Public speaking da 10 anni e collabora con aziende e società di formazione.

Back To Top